Castello di Shuri

Castello di Shuri

This post is part of a series called Itinerari
Show More Posts

Passeggiando tra i maestosi edifici che compongono il Castello di Shuri a Okinawa , si ha la sensazione di essere trasportati in un tempo passato. Tuttavia, questi edifici restaurati con cura hanno soltanto qualche decennio di vita.
Ciononostante, sono ricchi di storia e molti elementi del castello sono più antiche delle recenti ristrutturazioni. C’è molto da vedere dentro e tutt’intorno al complesso del castello, dalla maestosa struttura architettonica, alle mostre ospitate all’interno dei musei.

Il 31 ottobre 2019, un incendio ha distrutto completamente la maggior parte delle principali strutture del castello. L’edificio è temporaneamente chiuso ai visitatori.

Il Castello di Shuri si trova a cinque minuti di autobus (o 15-20 minuti a piedi) dalla stazione di Shuri sulla monorotaia di Okinawa.
Può anche essere raggiunto in autobus dal centro di Naha. Prendi l’autobus numero uno e scendi a Shurijo Koen Iriguchi.
Shuri Ryusen si trova a pochi passi dal Castello di Shuri, a Shuriyamagawacho, ed è aperto dalle 9:00 alle 18:00 sette giorni su sette.

Il castello fu costruito nel XIII secolo da Shunbajunki, il secondo re di Chuzan, e giocò un ruolo chiave in molte delle battaglie dei secoli successivi.
Il Castello di Shuri è stato distrutto molte volte nel corso dei secoli, ed ogni volta è risorto dalle proprie ceneri. Più recentemente, il castello è stato bombardato nella battaglia di Okinawa del 1945 e la struttura che puoi osservare oggi è stato ricostruita nel 1992.
Il castello si trova sulla cima di una collina, offrendo una vista mozzafiato di Naha . Gli interni dell’edificio principale sono stati restaurati seguendo lo stile originale, mentre le sale a ponente e levante ospitano al loro interno dei moderni musei. Dai un’occhiata alle esposizioni che riportano in vita la storia del Regno di Ryukyu.

La porta del re
Non perdere l’occasione di visitare la porta Shureimon , originariamente costruita all’inizio del XVI secolo dal re Sho Sei. Utilizzata in passato per gli ingressi cerimoniali al castello, non potrai fare a meno di sentirti altrettanto regale mentre camminerai sotto il suo tetto di tegole rosse di sette metri di altezza. La porta, come il castello, è stato distrutta molte volte, e ricostruita per l’ultima volta nel 1958.

Per commemorare il 28° vertice del G8, che si è tenuto a Okinawa , è stata appositamente stampata una nota da 2.000 yen con una foto della porta Shureimon . Accidentalmente, la parola shurei viene spesso confusa con Shuri, ma in realtà si tratta di una parola cinese che significa “eterna cortesia".

INFO

VOLI

ALLOGGI

RISTORANTI

ESPERIENZE

ITINERARI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *