Bashōfu studio

Bashōfu studio

This post is part of a series called Itinerari
Show More Posts

Kijōka-bashōfu (喜 如 嘉 の 芭蕉 布) è l’arte giapponese di fabbricare tessuti dalla banana bashō o fibra giapponese come praticato in Kijōka a Ogimi, in Okinawa. Come lino, canapa, ramiè e altre fibre vegetali lunghe non aderisce alla pelle quando fa caldo; come tale è adatto per il clima di Okinawa. Kijōka-bashōfu è riconosciuto come una delle importanti proprietà culturali immateriali del Giappone.

Bashōfu faceva parte del tributo alla dinastia Ming Cina, mentre i 3.000 rotoli erano elencati dopo l’invasione di Satsuma di Okinawa nel 1609. Così come il pagamento di bulloni di pianura, strisce e bashōfu di kasuri come tributo ai re Ryūkyū, il panno era usato quotidianamente dai cittadini comuni. La produzione è aumentata nel periodo Meiji con l’introduzione del telaio takahata (高 機). Dopo la battaglia di Okinawa, la produzione è diminuita drasticamente. Precedentemente realizzato nelle isole Ryūkyū, la produzione di bashōfu è ora localizzata a Kijōka.

Gli alberi di Bashō vengono spogliati e, dopo la sterilizzazione, vengono estratte le fibre ammorbidite. Questi vengono quindi tessuti per produrre un tessuto leggero, forte e liscio al tatto. Sono necessari circa quaranta alberi per realizzare un rotolo di tessuto standard. Il colore della fibra bashō costituisce lo sfondo; i modelli sono tessuti in indaco e marrone. I disegni includono strisce, assegni e un certo numero di tipi di kasuri.

Kijōka-bashōfu fu registrato come importante proprietà culturale intangibile (重要 無形 文化 財) nel 1974, e la Kijōka-bashōfu Preservation Society (喜 如 嘉 の 芭蕉 布 保存 会) fu fondata per contribuire a preservare la tradizione. [6] [7] Nel 2000 la praticante Taira Toshiko (平 良 敏 子) (1921-) fu riconosciuta come un tesoro nazionale vivente (人間 国宝).

INFO

VOLI

ALLOGGI

RISTORANTI

ESPERIENZE

ITINERARI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *