船浮集落 | Iriomote Island

  1. Yonaguni Island
  2. Kumejima Prefectural Natural Park
  3. Tatami Rock
  4. Islands Near Okinawa Main Island
  5. Kerama Region
  6. Butterfly Garden | Yubu Island
  7. Fukushūen Garden Naha
  8. Iriomote Island
  9. Kabira Bay
  10. Minsa studio | Weaving textile
  11. Yubu Island
  12. Makishi public market Naha
  13. Taketomi Island | Perla di Okinawa
  14. Bashōfu studio
  15. 船浮集落 | Iriomote Island
  16. Naha
  17. Castello di Shuri
  18. Okinawa Main Island
  19. The great mangrove forest of Japan
  20. Churaumi Aquarium
  21. Ishigaki Island
  22. Yaeyama Region

Iriomote (西表島, Iriomote-jima; yaeyama: Irimuti; okinawense: Iriumuti) è la più grande delle Isole Yaeyama e la seconda per estensione tra quelle appartenenti alla Prefettura di Okinawa, dopo l’Isola di Okinawa stessa.

Nonostante abbia un’estensione di 289 km², la popolazione totale dell’isola è inferiore ai 2000 abitanti e le infrastrutture sono limitate ad una singola strada costiera che collega i villaggi del nord alle coste orientali. Sull’isola non è presente nessuna pista d’atterraggio, e la maggior parte dei visitatori – più di 150.000 nel 2003 – arrivano da Ishigaki col traghetto. Dal punto di vista amministrativo l’isola appartiene alla Città di Taketomi, della Prefettura di Okinawa, in Giappone.
Iriomote ha un clima marittimo subtropicale. La temperatura media annuale è di 23,4 °C, mentre quella media mensile varia dai 17,6 °C di gennaio ai 28,4 di luglio. Ogni anno, tra giugno e settembre, l’isola è colpita dai tifoni.

La maggior parte dell’isola è ricoperta da una fitta giungla subtropicale e da paludi di mangrovie. L’80% dell’isola è protetto ed il 34,3% costituisce il Parco nazionale di Iriomote-Ishigaki. La vetta più elevata è il Monte Komi (古見岳, Komidake), alto 470 metri.

L’isola è famosa soprattutto per il gatto di Iriomote (Prionailurus iriomotensis; giapponese: 西表山猫, Iriomote-yamaneko), un rarissimo gatto selvatico notturno che vive solamente su quest’isola, ritenuto da alcuni una specie a sé stante. Si stima che in natura ne rimangano circa 100 esemplari.

Fino alla fine della seconda guerra mondiale, Iriomote era quasi completamente disabitata, dato che era infestata dalla malaria, e veniva utilizzata soprattutto per la coltivazione del riso. Inoltre, durante la guerra, degli abitanti di Ishigaki furono costretti a rifugiarsi su Iriomote e alcuni di questi contrassero la malaria.

Dopo la guerra, le Forze Armate USA in Giappone sradicarono completamente la malaria dall’isola. Oltre che sul turismo, l’economia dell’isola si basa sulla produzione agricola, soprattutto di ananas, e sulla pesca.